Strane Stranezze – Mi scappa la pipì!!!

Alba6990/ Maggio 10, 2018/ Alba6990, Rubriche, Strane Stranezze/ 12 comments

Questa è la parte 21 di 35 della serie Strane stranezze

di Alba6990

Buongiorno, buon pomeriggio, buonasera e buonanotte! Scusate se settimana scorsa non ho fatto uscire la puntata, ma ero troppo impegnata a crogiolarmi nel fatto che il giorno dopo avrei visto il mio lui e avrei fatto cose zozze! In ogni caso, rieccoci qua e oggi parleremo di una perversione sessuale che forse non conoscete!

Dal titolo avrete pensato: “Si parlerà di Pissing!”…….e invece no! Parleremo di OMORASHI!

Avrete intuito più o meno tutti che questa perversione nasce in Giappone, ma di che cosa si tratta? L’Omorashi è una perversione sessuale che si basa sull’urina, ma in questo caso l’eccitazione sessuale non scaturisce da una pioggia dorata in faccia come nel Pissing.

L’eccitazione è dettata, invece, dal trattenere la pipì, dalla sensazione di vescica piena! Ma non solo: i cazzi si drizzano e le vagine si bagnano anche nell’osservare qualcun altro che ha la vescica piena.

In genere, questa perversione, riscuote successo nel suo Paese d’origine (ma infatti vi pare che i nostri amici nipponici potessero startene con solo la perversione delle mutande sporche e puzzolenti di escoriazioni di ogni genere! Proprio no…). All’estero, soprattutto ad Occidente, l’Omorashi viene spesso confuso o associato con il Pissing.

Mi è tutto chiaro, tranne una cosa: come si fa a capire se quello di fronte si sta pisciando addosso? Si tiene le mani sul pacco mentre ti parla, saltella come un cretino o corre verso una toilette con la stessa agilità che ha uno nel camminare con una scopa infilata nel culo? Cazzo, fa proprio sesso un uomo o una donna così, vero?!

Spero che anche questa puntata vi sia piaciuta! Ci vediamo alla prossima! 

Series Navigation<---| Strane Stranezze – A noi piacciono gli invalidi!Strane Stranezze Sono un appassionato di auto! |--->

About Alba6990

Ciao, mi chiamo Alba6990… o almeno, questo è il mio nome su Internet. In realtà il mio nome non c’entra niente con “Alba” e 69 e 90 non rappresentano la mia data di nascita, semplicemente mi piacciono moltissimo… chissà per qual motivo! Sono una ragazza che ama qualsiasi tipo di arte, ma soprattutto sono amante della cinematografia, dei romanzi e della scrittura ed è proprio questo amore per la scrittura che mi ha portata, nel 2016, a provare a scrivere il mio primo racconto erotico. L’ho fatto quasi per gioco, ma adesso non riesco proprio più a farne a meno! Credo di scrivere dei racconti abbastanza belli, o almeno… così mi hanno detto… non mi piace giudicarmi senza ascoltare le “critiche” degli altri. Per quanto riguarda il tema dei miei racconti, quindi il sesso, posso semplicemente dire che lo considero anch’esso una forma d’arte. Per chiunque volesse contattarmi può farlo scrivendomi su palmierilaura79@gmail.com (e no, manco quello è il mio nome o la mia data di nascita reale ahah)

12 Comments

  1. Ahahah!!! Solo in Giappone possono succedere certe cose, sono strambi e originali in tutto!!!!
    P.s.: sono troppo contenta che hai appena incontrato il tuo amore!!!😍😍❤❤😘

    1. Ahahah esatto! Solo i giapponesi riescono a creare queste perversioni!😂😂😂

  2. Qualcuno ha notato che più una società è repressa e/o fiscale e più è strambo il rapporto con Eros.
    Il Giappone così pulito e formalmente codificato deve in qualche modo bilanciare nel segreto della propria intimità…
    Questi i risultati.

    P.S. Good meeting I hope… XD

    1. Direi moooooolto Good!!!☺️😌

  3. Io avevo sentito che fosse una pratica, adottata anche da padroni a Slave, come senso di privazione e poi forma di piacere quando finalmente ci si libera (qualcuna mi correggerà se ho detto inesattezze e di sicuro ne ho detteo :-p) ma non penso sia eccitante vedere qualcuno con la vescica piena, ma sapere della sofferenza e magari vedere l’espressione nel liberarsi e farla…
    E può avere un certo fascino nel vederla fare, ad esempio a me non eccita particolarmente, ma nello scegliere preferisco vedere un primo piano di una donna che la fa, piuttosto che ricevere una “pioggia dorata” addosso, che non penso mi possa eccitare particolarmente…
    così come non mi fa impazzire la pioggia d’orata, anche perchè penso farebbe male e poi la puzza non te la levi più da dosso…
    Ok dopo questa battuta mi autosospendo fino a lunedì XD

    1. XD XD XD
      Il “d’orata” te la passo… giusto per le risate che mi sono fatto a suo tempo.

      Si, per la definizione di privazione non hai detto cazzate: è corretto.

    2. Mamma mia quel racconto e gli insulti da parte dell’autore ahahahah

  4. Vero, una cosa incredibile vedere cosa possa accadere se non si tiene sotto controllo il proprio narcisismo.
    Sai che lo ha cancellato e ripubblicato per eliminare i commenti? XD

    1. Davvero?? Ahahah pensa che l’avevo cercato e non lo trovavo! Volevo rileggermi i commenti!

  5. Sisi, immediatamente dopo la magra figura.
    XD io ho tutto archiviato comunque nelle notifiche di Disqus.
    Delle perle si saggezza…

  6. Due cose:

    Direi che nel gioco di ruoli del BDSM questa pratica è facilmente inquadrabile. Se io domino qualcuno, cosa è più assertivo di esercitare controllo persino sulle sue necessità fisiologiche? E viceversa all’altro procurerà piacere riconoscersi così sottomesso a me da finire a urinarsi addosso piuttosto che obbedire.
    -fisiologicamente possono subentrare dei comportamenti istintivi non controllabili. Cioè ad un certo punto, salvo un autocontrollo da monaci orientali esperti, il corpo libera. Come possono dimostrare molti bambini con genitori “adesso la tieni fino a casa dovevi farla”. XD-

    – Durante la mia prima visita nipponica, la signorina Ari era così rincoglionita dal suo lavoro in loco che ad uno sbigottito, che in fondo pareva intrigato, cameriere, ordinò dell’omorashi e non del chirashi.
    Ignoro se poi sia finita a sottoporre a omorashi lo sventurato giovane.

    1. Povero cameriere!! Sì sarà trattenuto fino all’ultimo!! Ahahah😂😂😂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*