Strane Stranezze – Matrimoni prematuri

Questa è la parte 10 di 35 della serie Strane stranezze

di Alba6990

Buongiorno,
buon pomeriggio, buonasera e buonanotte. La puntata di oggi sarà
leggermente diversa. Tranquilli, niente che sconvolga l’ordine della
rubrica. La “particolarità” di questa puntata, se così la possiamo
chiamare, è che non abbracceremo solo un singolo Paese, ma tanti Stati
che considerano questa usanza una normalità, purtroppo.

Oggi, torniamo, per quanto riguarda il dettaglio sull’età, in Papua Nuova
Guinea (sì, lo stesso posto dove si beve sperma per diventare più
forti).

Vi era mancato questo posto, vero? Beh, ci siamo ritornati, che gioia!
Però soggiorniamo di nuovo qui per un’usanza poco felice…anzi,
decisamente tremenda!

Va bene che l’amore tra bambini esiste, ma non mi sembra il caso di far
sposare i minori tra loro! In Papua Nuova Guinea, c’è la tradizione di
far sposare ragazzi di 12 anni con bambine di 6 anni.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di ciò. Purtroppo sono molti i
Paesi con questo tipo di cultura, dove i bambini sono praticamente
costretti a giocare il ruolo degli adulti. Il matrimonio tra minori, in
Italia e negli Stati occidentali, è considerata una barbarie, ma molte
regioni del terzo mondo vanno di comune accordo sul fatto che questo
fatto possa essere considerato normale.

I bambini devono vivere la loro infanzia, devono avere il diritto di
essere bambini e invece, questo diritto viene strappato dalle loro
mani.

Siccome questa è una rubrica “leggera”, non voglio dilungarmi troppo in un
discorso troppo grande per essere affrontato in un episodio di “Strane
Stranezze”, ma forse un giorno potrei aprire una discussione in merito,
chi lo sa. O perché no? Possiamo discuterne qua sotto nei commenti, che
ne dite? Mi piacerebbe ascoltare le vostre opinioni in merito, come
sempre, e magari saperne qualcosa in più.

Oggi non sono stata ironica come al solito, perché si tratta di un tema
estremamente spinoso e di grande importanza, ma non mi sono trattenuta
dal riportare alla luce questo argomento tanto discusso.

Bene, direi che per “alleggerire” la puntata, visto che fino adesso siamo
stati seri (e non è da me essere seria nella mia rubrica) vi dico che
quel gorilla del mio vicino di casa non mi ha fatta dormire grazie ai
suoi “ARGH!” “OHHH” “AUHHH” ruggiti nel corso di una sega mooolto lunga
(dev’essere per forza una sega! Altrimenti come si spiega il fatto che
non si sentano versi femminili o comunque altri versi oltre il suo? Sarà
così tanto incapace?).

Spero che la puntata di oggi vi sia piaciuta! Ci vediamo la settimana
prossima con un argomento decisamente più leggero e nelle mie corde!

Ciao!

Series Navigation<---| Strane Stranezze – La zoofilia (in Libano)Strane Stranezze – Acusticofilia |--->
Share this Post

About Alba6990

Ciao, mi chiamo Alba6990… o almeno, questo è il mio nome su Internet. In realtà il mio nome non c’entra niente con “Alba” e 69 e 90 non rappresentano la mia data di nascita, semplicemente mi piacciono moltissimo… chissà per qual motivo! Sono una ragazza che ama qualsiasi tipo di arte, ma soprattutto sono amante della cinematografia, dei romanzi e della scrittura ed è proprio questo amore per la scrittura che mi ha portata, nel 2016, a provare a scrivere il mio primo racconto erotico. L’ho fatto quasi per gioco, ma adesso non riesco proprio più a farne a meno! Credo di scrivere dei racconti abbastanza belli, o almeno… così mi hanno detto… non mi piace giudicarmi senza ascoltare le “critiche” degli altri. Per quanto riguarda il tema dei miei racconti, quindi il sesso, posso semplicemente dire che lo considero anch’esso una forma d’arte. Per chiunque volesse contattarmi può farlo scrivendomi su palmierilaura79@gmail.com (e no, manco quello è il mio nome o la mia data di nascita reale ahah)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*