di Carol

-…va bene, cosa vuoi che faccia?
– Toccati, stenditi sul letto, sposta le mutandine di lato, apri bene le cosce e toccati.
– Ok. Aspetta…sto andando in camera da letto…ci sono, solo un mom…Cazzo!
– Che succede?
– Niente, eccomi, mi era caduto il cellulare. Bene, collego un attimo l’ auricolare, così ho le mani libere.
– Brava, muoviti però…non abbiamo molto tempo.
– Eccomi, sono seduta sul letto, sto aprendo le cosce come mi hai
chiesto, sposto le mutandine di lato…mmmm…sentissi quanto sono
calda!
– Mmmm…immagino…dai, toccati adesso.
– Oh siiii! Mi allargo bene le labbra e faccio scorrere le dita in
mezzo. Ho lo specchio di fronte, posso vedere ogni mio dettaglio.
Sapessi quanto sono bagnata…sono così indecente…
– Vai avanti, ora che fai?

– Mi concentro sul clitoride, lo pizzico, lo premo, lo tormento. Mi
guardo allo specchio, gambe aperte, fica oscenamente esposta, pulsante,
umida…Faccio scivolare due dita nella vagina…
– Oh siiii…anche tre, quattro…
– Dentro e fuori, dentro e fuori, intanto continuo a sgrillettarmi…mmmm…mi sa che non dureró molto, tu che fai?
-Schhhhhh…le domande le faccio io…
– Ti sento sai, stai godendo…
– Pensa a te, vai avanti.
– Ok, sto accellerando, ora le mie dita si muovono velocemente, il
clitoride è turgido, mi fa quasi male, lo pizzico ancora un po’, ci
roteo intorno il polpastrello. Continuo a scoparmi con le dita…
– La tua voce è cambiata, anche il tuo respiro, lo sento, non ti azzardare a..
.-aaaahhhh…ti avviso che s t o qqquasssi per ven ire…aaahhhh…
– Ehi ehi ehi fermati fermati. Non devi assolutamente farlo. Hai capito? Hai capito?
-Mmmmmhhhhh…
– CAROL !!!!!!! Fermati! Fermati!
-N o n ccceeee la faaaaccccio..
.- Cazzo Carol!!! Cazzo! Ho detto di fermarti!
– Nnnnnnn…
– Fermati!!!!! Stop!
– Ok ok. Ci sono… ci sono.
– Sei venuta?
– No, no…ce l’ ho fatta, ce l’ ho fatta, mi sono trattenuta.
– Bene, brava…ora fai dei bei respiri profondi, riprenditi.
– Mi tremano le gambe…
– È tutto a posto, non ti preoccupare…respira lentamente.
– Ok.
– Va meglio?
– Si. Va meglio. Sono stata brava?
– Sei stata molto brava.
– Quand’è che potró venire?
– Ogni cosa ha il suo tempo, abbi pazienza. Siamo solo agli inizi, hai
così tanto da imparare. Quando succederà proverai un orgasmo così
intenso che non durerà solo pochi istanti o minuti, ma addirittura ore,
se non giorni. È una promessa.
– Resisteró. Lo farò per me e per te.Promesso.
– Va bene. Per oggi basta così, ma sappi che ti chiederò molto di più. Pensi di essere pronta?
– Si si si. Tutto quello vuoi…tutto quello che vuoi.
– Vedremo. Ora ricomponiti. Ci sentiamo domani. Accendi il cellulare molto presto. Troverai il tuo primo ordine. Buonanotte.
– D’accordo. Saró all’ altezza. Te lo prometto.
– Non fare promesse che non puoi mantenere. Ora basta. Va a dormire.
– Si. Buonanotte.
– Va bene, a domani.
– Buonanotte.

Come giudichi questo racconto?