Lady Notte

È un mio vecchio racconto nato da un dialogo intenso e riadattato… continua ad essere tra i miei preferiti.

Sei al letto a pancia in su… ti lego con le manette i polsi e tu ne
approfitti e ti allunghi per baciarmi i seni ma non mi abbasso apposta
ci arrivi solo con la lingua…
Prendo il barattolo di miele, sono a cavalcioni su di te, ci immergo un
dito, lo metto in bocca, lo lecco, lo succhio, tu sai come…
Lo rinfilo e te lo passo sulle labbra… le mordo…
Faccio un filo di miele sulla tua gola e passo la lingua per toglierlo
Intanto mi muovo su di te, senti il mio corpo che si struscia
Mi metto il miele sul seno… sui capezzoli e mi inchino per avvicinarteli alla bocca… li lecchi eccitato…

Infilo ancora il dito nel miele e lo faccio scivolare dal seno alla
pancia… sempre più giù, mi alzo un po’ e me lo metto li’… mi metto in
ginocchio sul tuo viso…il miele ti cola in bocca facendo i fili…mi
avvicino e la lecchi…
Mi allontano per riempirla ancora di miele che si mescola ai miei liquidi…
E’ calda e bagnata ora te la do generosa… passi la lingua tra le labbra… la infili dentro…
la senti che pulsa e si contrae, mi giro…voglio dartela e
contemporaneamente assaggiare te così mentre tu mi lecchi ancora ti
faccio cadere il miele sul tuo sesso… lo senti che cola… che ti copre la
punta… lo prendo in mano… piano… piano … ti diventa sempre più duro… la
mia mano scivola col miele… lo lecco dalla base… lo infilo in bocca… lo
succhio… mi muovo veloce… e poi piano… lo bagno ancora e ancora… il
miele caldo e la mia bocca… è come se fosse già dentro di me… sento che
se accelerassi verresti subito … ti slego ma ti do le spalle così mi
passi le mani nella schiena e mi afferri per i fianchi, lo metti dentro,
lo sento è grande… duro… mi muovo su e giù… sono un fiume di
eccitazione… ci muoviamo assieme sempre più veloci…
Fammi sentire che più in fondo non può arrivare… fammi venire con te… ancora e ancora…
Contrazioni violente … mi contorco…
Tienimi….
Sto venendo……………………
E ricado sul letto affianco a te……….
Ti bacio dolcemente…
Sai di miele!

Come giudichi questo racconto?