Lo yacht-5

Di Suve

Puoi contattare l’autore a: scrivocosiperscrivere@gmail.com

Notte sulla spiaggia 2/2

A un centinaio di metri un altro terzetto è impegnato ugualmente.
Sibylle è a terra, sopra di lei Natasha. Le due si baciano e si carezzano. Le mani di Sibylle aprono le natiche della ragazza, la espongono allo sguardo eccitato di Alessandro che si china in avanti poggiando la punta del membro sulla micina aperta, pronta ad accoglierlo. Scivola dentro la ragazza di colpo per metà, facilmente, facendola inarcare e tendere indietro il capo prima di tornare a baciare Sibylle.

Natasha è eccitatissima, non sa decidersi se le piaccia di più l’uccello di Alessandro che le scava dentro o la mano di Sibylle sul clitoride, o la sua bocca che non ha smesso un attimo di baciare. Al centro dell’attenzione dei due è preda di sensazioni bellissime che si fanno via via più acute inondandole il cervello di piacere. Gode, urlandolo nella bocca di Sibylle, sentendo i colpi dell’uomo farsi più frequenti, più profondi. Riemerge dall’orgasmo sentendosi come avvolta da una nebbia, senza riconoscere le mani che la alzano, la spostano, le aprono le gambe. Una lingua la penetra riaccendendole le fiammelle del piacere. Aprendo gli occhi vede Sibylle davanti a lei, la sua testa tra le gambe, dietro di lei Alessandro che la prende con forza, i suoi colpi si riverberano su di lei spingendole la testa di Sibylle contro. Un secondo orgasmo le sale dentro repentino, si scuote, allarga e stringe le gambe, geme fortemente riaffondando nella nebbia del piacere da cui vede, come in una scena distante, Alessandro scatenarsi nel cercare il proprio godimento dando colpi sempre più forti a Sibylle che mugola in continuazione, non riuscendo più nemmeno a leccarla, e alla fine si accascia sopra di lei con un forte grido di piacere.

Un grido che gli altri tre non odono. Non per la distanza, nemmeno eccessiva, ma perché troppo presi da loro stessi. Arianna sente in se un calore incredibile che non riesce a trovare sfogo. Ha già goduto una volta ma non si sente sazia. Jacques l’ha scopata mentre lei succhiava Carlos, poi i due si sono invertiti e lei ha fatto conoscenza con l’uccello duro del Capitano. Quando pensava che lui le sborrasse in bocca si è tirato indietro rinunciando al piacere per scambiarsi ancora con l’amico. Arianna è sopra Jacques, di lato Carlos le porge l’uccello che lei imbocca golosa. Sente un dito cercarla dietro, spingere, entrarle dentro. Non è più vergine da nessuna parte Arianna e accetta quel dito invasore traendone altro piacere. Non immagina che Jacques, che con Carlos ha già diviso diverse avventure, abbia in mente qualcosa di particolare.

– E’ pronta Carlos –

Arianna ode la frase senza capirla, nemmeno ci bada fino a quando Carlos non si sottrae alla sua bocca strappandole un verso di disappunto e le si pone dietro. Le mani di Jacques la aprono, mostrano a Carlos lo spettacolo della vagina in cui scorre l’uccello bagnato dai succhi ed il piccolo buchino poco distante. Esita Arianna, lo ha già fatto anche dietro ma mai insieme, e d’altronde questa è la prima volta che sta con due uomini in una volta. Le gira la testa, eccitazione e confusione si mescolano. Guarda il volto sorridente di Jacques sotto di lei, gli pone una domanda muta.

– Rilassati piccolina, vedrai che sarà bello, ma se non vuoi ti basta dirlo, vero Carlos? –

Arianna non vede il cenno affermativo dello spagnolo ma si accorge della sua immobilità. E’ rassicurata dal non sentire nulla premerle dietro ma ancora non sa decidersi. Si sente sicura con questi due uomini dell’età del padre, lei che mai avrebbe pensato di farlo con uno di loro ed ora addirittura due. Esita ancora.

– Solo se lo vuoi piccolina, ti prometto che ti piacerà, e se dovesse darti fastidio smettiamo subito. Lo vuoi piccolina? Lo vuoi sentire dentro anche lì? Eh? –

Arianna ha caldo, sente dentro di se il cazzo duro di Jacques che si muove appena, il pensiero, la voglia di questa nuova cosa le sale dentro. Si sente al sicuro con quei due. Annuisce con forza stringendo le labbra. Non vede il gesto di Jacques verso Carlos ma sente le mani del primo che ancora le aprono le natiche, poi una presenza dura le si poggia sull’ano.

– Rilassati, forse sarà un po’ dura all’inizio ma poi sarà bellissimo, te lo prometto –

La voce calda di Jacques è un elemento in più di eccitazione per lei. Si puntella sulle ginocchia, si inarca indietro e aspetta…

La sensazione dell’ano che le si apre per accogliere l’uccello di Carlos è intensissima. Non è dolore, forse fastidio, ma più di tutto il sapere che ne ha due dentro. Spinge indietro, l’uccello fa un po’ fatica ad entrare per l’ingombro dell’altro nella vagina e poi… poi Arianna si sente riempire come mai si è sentita. Avverte distintamente i due cazzi dentro di lei separati da pochi millimetri di carne. Di colpo respira, nemmeno si era accorta di trattenere il fiato, e già Carlos inizia a muoversi in lei con cautela arretrando e spingendo ancora.

Di botto il piacere le esplode dentro in tutta la sua intensità. Geme, sbava, dice parole senza senso muovendosi lei per farsi penetrare meglio da entrambi. Gode Arianna, gode ed urla, un urlo che rimbalza nella boscaglia arrivando lontano.

Sibylle, Natasha e Alessandro stanno tornando verso il campo quando lo sentono.
Di colpo Alessandro ricorda la presenza sull’isola degli altri, di sua figlia.

– ARIANNA –

Fa per slanciarsi verso quella direzione ma Sibylle lo prende per un braccio.

– Fermati Alessandro, era un urlo di piacere, non di dolore –

Imbarazzato al pensiero di cosa significhi Alessandro si blocca. Sibylle gli si stringe, lo bacia confortandolo e poi tutti e tre tornano al campo, Sibylle e Natasha tenendosi ancora per mano.

Quando Jacques, Arianna e Carlos tornano al campo trovano gli altri tre intorno al fuoco, in silenzio. I due uomini vedono Alessandro fissarli e abbassano la testa per un attimo prima di rialzarla sicuri di loro. Natasha guarda Arianna con un sorriso ironico, leggendo la contentezza sui suoi lineamenti. Le due ragazze si abbracciano e Natasha le sussurra:

– Poi mi racconti tutto –

Sibylle guarda tutta la scena, soprattutto Alessandro scuro in volto.

– Torniamo a bordo –

Ordina laconicamente lui ed i sei si imbarcano verso la Sophie.
Una volta a bordo Alessandro sale in plancia subito raggiunto da Jacques e Carlos mentre le donne vanno in cabina a farsi una doccia.

– L’hai… l’avete costretta? –

E’ la domanda dura che Alessandro fa ai due uomini. Carlos reagisce con un gesto di stizza sentendosi accusare, Jacques conosce Alessandro da più tempo ed invece replica:

– No, non c’è stata alcuna costrizione. Mi conosci Alessandro ma se non credi a me credi all’espressione di lei quando siamo arrivati, ti è parsa ferita? E se nemmeno questo ti basta chiedilo direttamente a lei. E’ grande abbastanza da risponderti senza problemi –

Alessandro esita, sa che di Jacques può fidarsi ma lei è pur sempre sua figlia.

– Sì, glielo chiederò anche se penso che confermerà le tue parole. Il mio istinto di genitore mi dice di spararvi e buttarvi a mare, ma hai ragione tu Jacques, è grande abbastanza. –

– Non è più una bambina Alessandro, lo sai –

– Lo so, ma un conto è saperlo ed un conto è vederlo direttamente. Va bene, dovrò abituarmici penso. Vado a dormire, domattina partiamo presto, pensa tu a tutto. –

Alessandro va in cabina e prima di entrare incrocia la figlia. L’espressione stanca ma felice di lei gli fornisce la risposta che cercava. La bacia sulla fronte augurandole la buonanotte e si infila in cabina dove Sibylle è già a letto.

Arianna invece non entra nella sua cabina. L’incontro con il padre non ha significato molto per lei. Sì, sa che lui ha intuito cosa stesse facendo con i due uomini ma è la sua vita e lui mai si è intromesso. Il bacio sulla fronte la sorprende pur confermandole l’affetto del genitore. Entra nella cabina di Natasha senza bussare, desiderosa di confidarsi, riflettendo sul significato di quel bacio.

Quando Carlos va nella sua cabina trova gli altri tre marinai che lo aspettano sottocoperta. Sorridono tutti e tre. Hanno sentito l’urlo di Arianna senza capire di chi fosse. E’ Mino che parla per tutti:

– Allora Carlos? Chi ha gridato e perché? Non era di dolore, sono sicuro –

– Tu sei troppo curioso Mino. –

– Ma dai, era Natasha o Sibylle o…. Arianna? Ma chi l’ha… –

– Come ti ho detto, sei troppo curioso. Dimentica questa storia, è meglio –

Li lascia così, entrando nella sua cabina, con Mino che si gira verso gli altri. Bibi sorride, Ciro va verso la sua cabina.

Come giudichi questo racconto?
Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*