di Alba6990

“Shhh! Fa piano!”

“Ce l’ho duro.”

“Luca!”

“Dico solo la verità! Te che mi metti la figa in faccia me lo fa venire duro!”

“Raga vedo l’arcobaleno…”

“Ma quale arcobaleno?!”

“Io lo dico sempre che si fa troppe canne…”

“Dai, ragazzi! Fate piano, stanno entrando in casa!”

Di
nuovo vi vedo perplessi, vi spiego: dopo quella presa di coscienza da
parte di Francesca, volevo assicurarmi che la sua prima volta con questo
suo ragazzo andasse per il verso giusto.

Le
persone normali, in genere, attendono la fine della giornata e quando
sanno che i fatti si sono compiuti fanno una telefonata e chiedono com’è
andata. Oppure si vedono il giorno dopo per prendere un caffè e
parlarne di persona con calma.

Bene,
io non sono normale. E non lo sono neanche Luca e Caloggero. Quindi,
indovinate che cosa abbiamo escogitato per poter essere sicuri che la
scopata di Francesca sarebbe andata a buon fine!

È
molto semplice: questo individuo che Francesca voleva scoparsi a tutti i
costi viveva in un appartamento a piano terra di Buccinasco, quindi
abbiamo ben pensato di nasconderci sotto il balcone della camera di
questo ragazzo e, al momento giusto, Caio avrebbe preso sulle spalle
Luca che a sua volta avrebbe preso sulle spalle me e io avrei così
potuto osservare da fuori la finestra (di nascosto) l’atto sessuale.

Un
piano geniale, no? Senza ombra di dubbio, lo so! Ma che succede quando
hai a che fare con due coglioni? (E non quelli che si leccano durante
una fellatio, mio malgrado) Più precisamente, un drogato e un arrapato?

“Okkei, ragazzi. Stanno entrando in camera. Fate silenzio.”

“Minchia, lo sapevo che non dovevo fumare il crack prima di venire qua.”

“Se sei stronzo non è colpa mia.”

“Stronza ci sarà quella puttana di tua madre.”

“COSA?!”

“Ma che cazzo non comprendete dell’espressione ‘Fare silenzio’?”

“Cami, se si parla di fare io sono fatto come una pigna.”

“Mi sa che le cose si stanno facendo interessanti lì dentro.”

“Perché?”

“Perché la tua figa, Cami, sta colando umori. E ti ringrazio per esserti messa proprio con la figa in faccia a me!”

“Se mi promettete di non rompere le palle vi faccio la telecronaca.”

“Oddio, non puoi farmi la telecronaca! Non mi posso segare!”

“Basta che non mi sborri in testa come fanno i piccioni, pezzo di merda.”

“Ma perché tu pensi che i piccioni sborrano in testa alla gente?”

“Eh
sì! Altrimenti come si spiegano gli schizzi bianchi sul parabrezza
della mia macchina? Non so te, ma io non mi metto a sborrare di certo
sulla macchina! È di mio padre, quello mi ammazza.”

“I piccioni cagano!”

“Eh vabbè tutti gli esseri viventi lo fanno.”

“No! Ti cagano sulla macchina!”

“Ah pure! Minchia sti stronzi! Prima mi sborrano e poi mi cagano!”

“Non ti sborrano sulla macchina, oh imbecille!”

“Okkei ragazzi: stanno parlando.”

“Di che cosa?”

“Merda rosa?”

“No!
Secondo me si stanno mettendo d’accordo sul da farsi. Insomma, Fra era
al massimo livello dell’inesperienza, mentre lui è il Rocco Siffredi
della situazione.”

“Ha tirato già fuori il cazzo?!”

“No! Non sborrarmi in testa!”

“Imbecilli! Stanno ancora parlando. Lei sta arrossendo, lui sta cercando di tranquillizzarla accarezzandole il viso.”

“Ma che carini! Quando chiavano?”

“Luca! Dà a Francesca del tempo!”

“Ma io ce l’ho duro!”

“Oh madonna sento il tuo scroto sul collo, ho paura…”

“Okkei, si stanno baciando. Anzi, si stanno proprio limonando.”

“A me non piacciono i limoni, troppo acidi.”

“Stronzo! Sta parlando di baci!”

“Ma i baci Perugina?”

“Quando ti fai una tipa!”

“Ah e dillo subito! Io parlavo di cibo!”

“Raga
aspettate! Lui la sta facendo sdraiare. Le sta lasciando una scia di
baci dalla bocca al collo. Dal collo al seno. Si sta concentrando sul
seno. Lecca per bene i capezzoli e sono diventati duri.”

“Come le mie palle in questo momento!”

“Lo sento, non sborrare! Ci sono io sotto di te!”

“Okkei,
dal seno le sta baciando il pancino. Le ha fatto una pernacchia
all’ombelico come quando la si fa ai bambini. Adesso, invece, le sta
aprendo le cosce. Sta baciando tutto l’interno coscia e sta cominciando a
leccargliela.”

“Oh dio…”

“Non sborrare, amico mio! Pensa alla figa di tua nonna!”

“Mia nonna è morta il mese scorso!”

“Sì,
ma la sua figa era talmente vecchia e flaccida che quando camminava
puliva per terra e faceva lo stesso rumore del mocio vileda!”

“E tu che ne sai?!”

“Una sera me la sono fatta…”

“MA CHE CAZZO!!!”

“Eh, zio…ero fatto…”

“TI SEI SCOPATO MIA NONNA?!”

“Ma se è lei che si è tolta per prima la dentiera per farmi un bocchi…”

“Shhhh! Ragazzi Francesca sta venendo!”

“Queso stronzo si è sbattuto mia nonna e tu non dici niente?!”

“Non sono cazzi miei.”

“Ah Giovanna, la nonna putta…”

“Ma mia nonna non si chiamava Giovanna…”

“Ah no?”

“Era MIA nonna che si chiamava Giovanna!!!”

“Ah Okkei allora chiedo scusa, mi sono fatto non tua nonna, ma quella di Camilla.”

“MA CHE SCHIFO!!”

“Che succede lì dentro?”

“Adesso…OH MIO DIO!!”

“Che è?!”

“Francesca ha preso il controllo della situazione! Gli sta succhiando il cazzo come se fosse l’ultima cosa che fa in vita sua!”

“Ha imparato dalla migliore…”

“Le sta scopando la testa! E lei ci sta! L’ho creata a mia immagine e somiglianza!”

“Ah, Cami…quanto voglio un pompino da te ora…”

“No, ti sta tornando duro! Non sborrarmi addosso!”

“Raga! Lo sta cavalcando! La Fra è imbizzarrita!”

“Una volta sono stato a cavallo…poi la sera ho mangiato la polenta.”

“Ma che c’entra?!”

“Non lo so, sono fatto.”

“Raga! La sta sculacciando! VAI FRANCESCA! SONO FIERA DI TE!”

“Oh dio…”

“Cosa?”

“La Cami è eccitatissima…ho i suoi umori sulle labbra…non resisto più…”

“LUCA, NON SBORR…CHE SCHIFO!! MI HAI APPENA FATTO LO SHAMPOO!!”

Ebbene
sì. Francesca aveva superato le sue paure ed era riuscita a fare sesso
ad un livello mai visto prima. Alla fine, il mio aiuto le era servito.
Luca e Pino (sì, si chiama Pino…non Calimero o Caloggero o Caio…sono
un disastro con i nomi) mi avevano aiutata alla grande. Non è andato
esattamente tutto come era stato pianificato, ma era il risultato che
contava. E onestamente, la faccia di Pino con la testa piena dello
sperma di Luca mentre Francesca e il suo fidanzato uscivano sconvolti
per capire quale fosse la fonte di tutto quel baccano…è un’immagine
che non mi toglierò mai dalla testa.

FINE

Nota
dell’autrice: Ho deciso di terminare qui questa storia iniziata per
gioco. Non avevo in mente, all’inizio, di scrivere un racconto puramente
comico. Ma poi, vedendo quanto vi piaceva raccontato in questo modo, ho
deciso di continuare.

Spero
tanto che questa serie vi sia piaciuta tanto quanto è piaciuto a me
scriverla. Vi avviso che sto già lavorando a un’altra serie, ma questa
non sarà di natura comica. Spero vi piacerà anche quel lavoro, che
pubblicherò a Febbraio.

Ciao a tutti!