Amici di letto #1

Questa è la parte 1 di 1 della serie Amici di letto
  • Amici di letto #1

di Alba6990

Capitolo 1 – Serata in casa

Andrea era appena scesa nel vialetto che conduceva al parcheggio del suo condominio.

Stava aspettando il suo amico Tommaso (detto Tommy), che si sarebbe dovuto presentare alle 21.30 sotto casa sua con la macchina.

Era un venerdì sera, ma la loro compagnia, che di solito passava l’inizio del week end in un locale molto rinomato sul Naviglio Grande, aveva deciso di passare una serata fin troppo tranquilla.

Andrea aveva sentito durante il pomeriggio tutti quanti, stilando una sorta di lista delle opzioni che aveva a disposizione per non passare il venerdì sera in casa: poteva andare con Giulio e suo fratello Marco a ballare, ma non aveva una grande voglia di mettersi in ghingheri per la discoteca, né aveva voglia di fare chissà che ora; Stefano, Luca e Pietro sarebbero andati nel quartiere vicino ad annebbiarsi il cervello con le canne, come al solito d’altronde, e di stare in mezzo a quattro drogati che non trovavano di meglio da fare non ne aveva per niente voglia; aveva provato a contattare Vittorio, ma si trovava a Bergamo quella sera. Che fare?

Andrea si era già rassegnata a perlustrare la sua videoteca personale in camera, alla ricerca di un qualche film da guardare con in una mano la tazza di latte caldo e nell’altra il pacchetto delle Gocciole. Poi, era arrivata la salvezza: Tommy le aveva mandato un messaggio su WhatsApp, lamentandosi anche lui di non sapere cosa fare.

Decisero, quindi, di unire le loro forze e di guardare un film a casa di lui, visto che i genitori non c’erano. Non era proprio una grande serata, ma almeno si
facevano compagnia. Un mezzo passo avanti.

E così, eccola lì. Ad aspettarlo nel tramonto quasi estivo. Si presentò
preciso davanti al vialetto.

Il tragitto durò pochi minuti e fu coronato da varie chiacchiere del più e del meno, accompagnate da battute del cavolo su quanto i loro amici fossero pigri.

La musica latinoamericana rimbombava nell’abitacolo, facendo impazzire Andrea. Lei odiava quella musica, le piacevano giusto due o tre canzoni, ma non capiva la vera e propria ossessione che la maggioranza dei suoi coetanei aveva per quel genere musicale. Non era meglio un bel po’ di rock o qualche canzone rap di Eminem, 2Pac e company? A quanto pareva no.

“Dai, Tommy! Dovevi proprio mettere su questo CD? Hai il CD con i Three Days Grace che è decisamente meglio di questa roba!”
“Eh lo so!” Disse lui guardandola con un sorrisetto perfido “Ma a me piace vederti sclerare.”
“Dai, cambia canzone.”
“Desiderio esaudito.” E mise su una canzone che Andrea considerava peggio
del latinoamericano.

Avete presente quelle canzoni ignoranti italiane? Quelle che non hanno senso di esistere? Con una “musica” che chiamarla tale è un sacrilegio e con il testo che non ha un fottuto nesso logico con niente? Ecco, Tommy la mise su per dispetto. Sapeva che Andrea lo avrebbe insultato.

Infatti, bastò farla partire per pochi secondi, che subito lo sguardo torvo e carico di odio di Andrea non tardò ad arrivare.

Tommy si mise a ridere e spense la radio: “Dai che siamo arrivati! La tua tortura è finita.”
“Stavo per tirare un calcio alla radio e fracassartela.” Scoppiarono entrambi a ridere.

Non appena entrarono in casa, Andrea sentì un profumo di muschio bianco
per tutto l’appartamento. Sapeva bene di che profumo si trattasse perché
aveva il bagnoschiuma con lo stessa fragranza.

“Mmm…che profumo!”
“Ti piace? Viene dal diffusore che ho piazzato lì.”

 E le indicò unalampada diffusore che emetteva fumo profumato e che ogni 10 secondi cambiava colore. Era quasi ipnotica da guardare, ad Andrea piacevano tantissimo quei diffusori di essenze.

“Allora? Che film mettiamo su?”
“Non so. Scegli pure tu, nel frattempo io mi tolgo le scarpe.”
Tommy accese il decoder di SKY e andò a cercare “Allegiant” su On Demand.

“Ti va bene?”
“Assolutamente sì! Non l’ho ancora visto!” Esclamò lei spaparanzandosi su quel comodo divano come se fosse stata a casa sua.

Il film partì e con esso, anche le solite battutine a doppio senso che Tommy le proponeva praticamente ogni giorno. Essendo entrambi due amanti del sesso e con una mentalità estremamente aperta, non si vergognavano per niente a parlare di certe cose. Anzi, si raccontavano delle loro esperienze, non avevano problemi a raccontarsi di come si masturbavano e magari a scambiarsi i link di qualche bel porno da guardare.

Diciamo che le loro conversazioni potevano essere del tipo: “Allora? Che hai
fatto oggi?”
“Niente di che, mi sono alzato, sono andato a fare una corsa, mi sono segato su un bel threesome…tu?”
“Io mi sono goduta un bel massaggio dall’estetista e poi mi sono masturbata su un racconto erotico che mi ha intrigata parecchio.”

Puntualmente, Tommy la stuzzicava con qualche battutina o anche qualche richiesta, che lei rifiutava con una risata.

Dall’altra parte, anche lei si divertiva a provocarlo in diversi modi: magari, in discoteca, ballava con lui strusciando per bene il culetto sul suo pacco oppure gli lanciava qualche battutine sussurrandogliela nell’orecchio. Cose, comunque, molto innocenti.

Quel giorno, però, gli ormoni di Andrea erano abbastanza in subbuglio.

Era in quei dieci giorni dopo il ciclo, in cui la sua voglia di sesso era sempre alle stelle. E quel venerdì non si era ancora masturbata. Non ne aveva avuto il tempo, tra lo studio per gli esami universitari e le commissioni che aveva dovuto fare per la madre.

Con non poco stupore, Andrea si accorse che le battute di Tommy facevano un po’ di effetto su di lei. I discorsi sul sesso la stavano coinvolgendo. Il film era completamente in secondo piano, dato che Tommy, accortosi dello stato di Andrea, non mollava l’osso.

“Dai, vieni qua vicino a me. Non mordo, non stare dall’altra parte del divano.” Disse lui battendo il palmo della mano proprio accanto a lui.

Andrea, in tutta tranquillità, si accoccolò praticamente su di lui.

Ormai stufa di stare seduta con la schiena dritta, si era sdraiata sulle sue gambe, la testa vicino al pacco del ragazzo.

Le mani di Tommy, avanzarono qualche carezza. Ma Andrea era abituata a simili, diciamo, “attenzioni” e quindi non vi diede troppo peso.

Le battutine diventavano mano a mano sempre più insistenti e le mani di Tommy si facevano sempre più audaci. Il lato razionale di Andrea, cercava di dare un freno alla carica libidinosa che si faceva strada nel suo ventre.

Ma il suo corpo, riceveva quelle carezze e quelle provocazioni come un vero e proprio invito. Era tutto il giorno che aveva voglia, che ritardava gli orgasmi
per il troppo poco tempo a disposizione e adesso, il suo sesso richiamava attenzioni.

Decise di non dire a Tommy di andarci piano, ma di lasciarlo fare. Pensava che si sarebbe fermato dopo un pochino, se lei non avesse mosso ciglio. E invece la sua mano si insinuò tra le sue cosce, accarezzando la sua vagina da sopra i leggings neri.

“Tommy…”
“Giusto un paio di carezze…” disse lui calmo, continuando ad accarezzarle la schiena con una mano e la sua figa con l’altra.

Una cosa che notò Andrea, era che lui iniziava a fare dei movimenti lenti e circolari sul clitoride. Lo premeva e lo accarezzava.

Andrea non sapeva come reagire: se fermarlo oppure se lasciarlo continuare. In fondo, erano amici da una vita, non provavano sentimenti l’uno per l’altro. Si sarebbe trattato solo di una sera di divertimento. Quindi decise di lasciarsi andare.

Le dita di Tommy si facevano più decise, premevano sempre più forte e riuscivano a sentire benissimo il bollore dei succhi che Andrea stava producendo. Indice e medio facevano un ritmico su e giù, sempre più veloce.

Lei non riusciva a trattenere i gemiti di piacere che diventavano mano a mano più forti, carichi di lussuria. In pochi minuti, grazie a quel gradevole trattamento, si ritrovò ad ansimare e a lanciare piccoli urli, che Tommy soffocò mettendole una mano davanti alla bocca.

Andrea sentiva il corpo che sì, era soddisfatto, ma neanche così completamente…voleva di più.

Come ad invitarlo a spingersi oltre, gli leccò il palmo della mano e accolse il suo indice nella bocca. Lo leccò e succhiò per qualche secondo, come se stesse facendo un pompino.

Tommy, per tutta risposta, le piantò due sonore sculacciate sul sedere. Sapeva che Andrea usciva pazza per le sculacciate e infatti, come conferma a questo suo pensiero, lei gemette  ad ogni schiaffo.

“Dai, adesso ti porto di là e ti dò qualche bacino…”
“Cosa?”

Lei era ancora leggermente intontita e le scappò un piccolo urlo di sorpresa quando si ritrovò presa di peso e trascinata nella camera di Tommy. Lei non si oppose mentre lui le sfilava i pantaloni, baciando ogni singolo neo che incontrava sul suo cammino.

Non si fiondò immediatamente sul suo sesso, si dedicò, invece, ad una serie di piccoli e delicati baci intorno a quello splendido fiore di carne. Sfiorava appena il clitoride con le sue labbra, ma non lo leccava né lo baciava.

Il desiderio di Andrea cresceva a dismisura, ogni bacio la portava ad un
gradino più alto, verso l’apice del piacere. Le sue mani presero ad accarezzare i capelli e la testa di Tommy, le sue gambe si allargarono in modo osceno. Le sue carezze si trasformarono in vere e proprie spinte e in pochi secondi Tommy, recepito il messaggio, si dedicò alla sua figa bollente.

All’inizio solo leccate fugaci con la punta della lingua, che facevano fremere  Andrea. Poi, cominciò ad alternare leccate con la punta della lingua sempre più veloci a dei risucchi rumorosi. Metteva le labbra a forma di cuore sul clitoride e lo succhiava, lo tirava quasi a sé, per poi lasciarlo e ricominciare a leccare con impeto.

Il corpo di Andre era completamente colto dagli spasmi, le sue urla di piacere riempirono l’appartamento. Le sue dita affondarono nella coperta, sembrava che la dovesse strappare con le unghie. A lei sembrò che dalla sua figa stesse uscendo un’ondata di piacere. Sentiva chiaramente il muso del suo amico
che si bagnava sempre di più mentre le godeva nella sua bocca.

Tommy infilò un dito dentro di lei, lo estrasse completamente zuppo e lo portò alla sua bocca.

“Troppo buono…” disse con gli occhi socchiusi dal piacere.

Continuava a leccare, ma stavolta sempre più lento. Sembrava si stesse gustando tutto l’apparato. Stava letteralmente bevendo da
quella fonte divina.

Un suono li ridestò e li interruppe. Era il telefono di casa.

Tommy si diresse con fare scocciato verso il cordless.

Erano i suoi genitori che stavano tornando dalla cena fuori.

“Ehi…mi sa che qua ci dobbiamo interrompere.” Disse lui passandosi una mano tra i capelli e sistemandosi il cazzo palesemente gonfio neipantaloni.

Andrea si rivestì e gli chiese un bicchiere d’acqua.

“Comunque hai un sapore troppo buono!”
“Facciamo che agli altri non la diciamo questa cosa? Lo sai che loro sono peggio di un branco di pettegole zitelle.”
“Tranquilla, per me era scontato.”

Andrea si diresse verso di lui leggermente barcollando. Quell’orgasmo era stato potentissimo. Bevve l’acqua in un sorso.

“Magari facciamo il bis qualche volta…” disse lui guardandola a pochi centimetri dal suo viso.

Andrea gli sorrise: “Sì, magari…”

Come giudichi questo racconto?
Share this Post

About Alba6990

Ciao, mi chiamo Alba6990… o almeno, questo è il mio nome su Internet. In realtà il mio nome non c’entra niente con “Alba” e 69 e 90 non rappresentano la mia data di nascita, semplicemente mi piacciono moltissimo… chissà per qual motivo! Sono una ragazza che ama qualsiasi tipo di arte, ma soprattutto sono amante della cinematografia, dei romanzi e della scrittura ed è proprio questo amore per la scrittura che mi ha portata, nel 2016, a provare a scrivere il mio primo racconto erotico. L’ho fatto quasi per gioco, ma adesso non riesco proprio più a farne a meno! Credo di scrivere dei racconti abbastanza belli, o almeno… così mi hanno detto… non mi piace giudicarmi senza ascoltare le “critiche” degli altri. Per quanto riguarda il tema dei miei racconti, quindi il sesso, posso semplicemente dire che lo considero anch’esso una forma d’arte. Per chiunque volesse contattarmi può farlo scrivendomi su palmierilaura79@gmail.com (e no, manco quello è il mio nome o la mia data di nascita reale ahah)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*