Alessia, amica tettona scopata nel bagno turco

Puoi contattare l’autore all’indirizzo: raccontifantasy@protonmail.com

Alessia la conosco dei tempi del liceo, è una bellissima ragazza molto intelligente che di solito frequenta ragazzi molto più grandi di lei. Altezza media, capelli lunghi neri e mossi, occhi scuri, culetto a mandolino e una 5° naturale di seno da far impazzire; ogni tanto indossa gli occhiali che le conferiscono quell’aria da studentessa porca. Noi due siamo molto legati, più che altro io sono in una friendzone da paura da molti anni. Nonostante dopo la maturità abbiamo scelto percorsi diversi, continuiamo a vederci con una certa regolarità. Lei aveva da poco rotto una storia con un ragazzo di 30 anni e per me era un piacere consolarla con lunghi abbracci che mi permettevano di sentire le sue tettone contro il mio petto, ah quante seghe che mi sono fatto su quei meloni!
Poi finalmente il colpo di fortuna: per il mio compleanno, i miei amici mi avevano regalato una smartbox per passare una giornata facendo qualche attività divertente (esempio go kart, escursioni, paracadute ecc) ma io volevo usarlo per passare del tempo con Alessia e le sue tettone per cui cambio il cofanetto con uno diverso, che permetteva di trascorrere due giorni in una Spa a mia scelta per due persone. Visto che non avevo nessuna fidanzata da portarmi, lo propongo ad Alessia e con mio sommo stupore lei accetta all’istante visto che aveva voglia di rilassarsi. Quindi un sabato pomeriggio partiamo alla volta di una Spa a circa 40 km dalla nostra città; è molto bello e anche la nostra stanza è molto accogliente. Per non imbarazzarla le chiedo se vuole che vada alla reception a richiedere una stanza con i letti singoli ma lei mi fa: “Ma no, ci conosciamo da tanti anni ormai, non è un problema per me”.
Che culo che avevo avuto! Ormai è tardi per andare al centro benessere per cui ci facciamo una doccia e andiamo a mangiarci una pizza; dopo una passeggiata ritorniamo in albergo per andare a letto.
Fa molto caldo, per cui lei mi dice che dormirà in intimo perchè aveva molto caldo.
“Ma certo, fai benissimo, anche io farò così perchè stasera si muore!” le rispondo.
Per cui mi spoglio restando solo con i boxer e mi sdraio sul letto mentre la aspetto per metterci a dormire. Lei finisce di struccarsi e si mette a letto anche lei; indossa solo un perizoma nero e una canottiera bianca bianca senza il reggiseno, per cui era possibile notare i suoi bellissimi capezzoli. La mia erezione è immediata e sono costretto a coprirmi con un pezzo del lenzuolo per coprire il mio pene il più possibile. Mi dà il bacio della buonanotte sulla guancia e spegniamo la luce. Lei si gira di fianco dandomi le spalle; il cuscino è molto molle, e lei afferra il mio braccio e ci appoggia la sua testa sopra. Se non che, poco dopo che lei prende sonno, tra un movimento e l’altro mi ritrovo la mia mano sulla sua tetta. Non avevo mai toccato nulla del genere, è morbida e a stento rientra nel mio palmo aperto. Oltre a questo devo fare attenzione a tenere lontano il mio amichetto in piena erezione dal suo culetto; dopo molto tempo finalmente prendo sonno anch’io. L’indomani mi sveglio con un’alzabandiera da record e per fortuna lei dorme ancora, per cui vado in bagno a spararmi una bella sega mattutina. In bagno ci sono ancora i suoi vestiti sporchi di ieri e io ne approfitto per dare una bella leccata alle sue mutandine che odoravano di fica. Anche lei si sveglia, scendiamo in sala a fare colazione e risaliamo in camera per metterci i costumi.
Lei apre la sua valigia e dice: “Cavolo no, mi sono dimenticata il bikini a casa, e ora come faccio?”
Le rispondo che dovrà arrangiarsi, perchè era domenica e i negozi erano tutti chiusi.
“Secondo te se uso l’intimo come costume sembro troppo volgare?”
“Ma no, nessuno noterà la differenza, tranquilla”
Lei si convince, e scendiamo nel centro benessere. Lei si spoglia, attirando lo sguardo di molte persone, restando con un reggiseno nero di intimissimi che faceva fatica a contenere le sue tettone e la mutandina sempre nera. Ci facciamo un bel bagno e dopo un pò le propongo di provare il bagno turco. Usciamo dall’acqua, e lei si stringe le tettone in modo molto sexy per far uscire l’acqua: non aveva due tette, aveva due spugne. Lo spettacolino non passa inosservato e un signore sulla 50ina che era rimasto con lo sguardo incantato, si è beccato anche uno schiaffo dalla moglie che l’aveva notato. Entriamo nel bagno turco e subito siamo avvolti da una fitta nube di vapore molto calda. C’erano altre persone nella saletta, ma a stento si vedevano a causa del vapore. Ci accomodiamo sulla panchina, io mi siedo mentre Alessia si stende, poggiando la sua testa sulle mie gambe. La sua testa così vicina al mio cazzo, mi eccita e non riesco a trattenere l’erezione. Lei se ne accorge, mi sorride e inizia a leccarmelo da sopra il costume. Mi sembra di stare sognando, quello che avevo sognato da anni forse si stava per realizzare. Il costume mi stringe e per poco non vengo, quindi prendo l’uccello e lo caccio fuori. Lei si copre la bocca per lo stupore, potevamo essere scoperti da un momento all’altro. Lei si fa coraggio ed inizia a segarmelo con la mano, ma io voglio di più, quindi guido con delicatezza la sua testa sul mio cazzo. Lei senza fare il minimo rumore, inizia a leccarlo e inizia un pompino meraviglioso. Mi fa impazzire, lo prende tutto in bocca nel modo più silenzioso possibile. Io le scosto delicatamente il perizoma e inizio a sditalinargli la fichetta rasata e fradicia dei suoi umori; iniziamo a godere entrambi e a stento soffochiamo i gemiti di piacere. Nel frattempo un tizio sulla 40ina si è accorto di noi e piano piano si è avvicinato a noi, ha cacciato fuori il pisello ed ha iniziato a menarselo. Io lo noto ma non gli dico niente, inoltre scosto di più la mutandina di Alessia per fargli vedere bene la sua bellissima fichetta. Lui apprezza molto e dopo pochissimo lo vedo sborrare copiosamente. Nel frattempo io ho le mani nei suoi bellissimi capelli e la guido nei movimenti; mi masturba l’asta per bene con la mano mentre ha la cappella nella sua bellissima bocca calda. Raggiungo un orgasmo bellissimo riempiendole la bocca di sborra bollente, ma lei non si scompone ed ingoia tutto. Resto molto stupito da questo, non credevo che fosse una ragazza che ingoiasse. Lei si gira verso di me e mi sorride e io, nonostante l’orgasmo, avevo ancora il testosterone a mille. Quindi la prendo per mano e la porto in camera, andiamo a farci una doccia per toglierci il sudore del bagno turco. Ci baciamo in modo appassionato, con le nostre lingue che danzano vorticosamente; poi le sgancio il ferretto del reggiseno, liberando quelle due tette bellissime. Mi immergo con la testa tra di esse ed inizio a succhiare e leccare quei capezzoli che avevo sognato da anni. Poi mi inginocchio, ed inizio a leccargli la fichetta rasata; lei inizia a godere e mi esorta a continuare afferrandomi la testa e spingendola sempre di più verso di lei. Tempo pochi minuti e il mio amichetto è di nuovo in tiro, quindi mi posiziono dietro di lei, la afferro per i fianchi e glielo ficco tutto dentro. E’ stretta e calda, ed io aumento sempre di più il ritmo; i nostri corpi si muovono all’unisono. Lei geme dal piacere, mentre io le afferro con decisione le tette da dietro, le bacio il collo e le mordicchio i lobi delle orecchie. Poi la giro, guardadola con decisione nei suoi occhi, le alzo leggermente una gamba ed inizio a scoparla; lei gode e inizia a mordicchiarmi e leccarmi il collo. Sento che non durerò ancora per molto, quindi mi sfilo e la faccio inginocchiare, lei prende le sue tettone e le stringe intorno al mio cazzo, facendomi una spagnola leggendaria. Esplodo in un orgasmo con un urlo liberatorio, riempiendole le tettone di sperma, che lei con malizia prende con le dita e se la porta alla bocca.

Come giudichi questo racconto?
Share this Post

2 Comments

  1. Pingback: Alessia, amica tettona scopata nel bagno turco – veneresole

  2. Finalmente la nuova versione del sito, oltre a bellissime rubriche, inizia ad animarsi di nuovi racconti 🙂
    manca il nome dell’autore però, c’è solo la mail…
    In ogni caso benvenuto tra noi…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*