A te…

di darthjames

Sei seduta alla scrivania, scrivi qualche cosa.
Sono seduto davanti a te, come al solito quando ti vengo a trovare, e
come sempre, anche se non te ne accorgi o fai finti di non accorgertene,
scruto ogni tuo gesto, ogni tua espressione, ogni movimento.
Mi parli delle tue idee, dei risvolti della difesa, di cosa ha scritto
la controparte, mi mostri documenti, carte, mail, buste paga e conteggi.
Le leggo, tento di porci attenzione, ma sono distratto dai ricordi di altre giornate, notti e pomeriggi insieme.
Come sempre fuggi gli sguardi, non li vuoi sostenere, per non incoraggiare la pulce vicino alla noce.
Questo è un gioco che va avanti da sempre, tu avanti, che corri e
sfuggi, io immobile ad attendere un momento di défaillance, uno
spiraglio di vita.
Sono pensieri che scorrono ogni volta che sono davanti a te oppure al telefono come oggi.
La voce era suadente al limite del sensuale, mi ha fatto sobbalzare e
stendere le gambe, senza remore e sovrastrutture te ne ho parlato.
Ma poi, chiusa la telefonata, la mia mente ha iniziato a volare, a fantasticare, come un sogno ad occhi aperti.

Quel sogno si svolgeva come un turbinio di sensazioni… così
Stai sempre seduta davanti al PC, io di fronte a te, ho appena finito di
sorseggiare un il caffè e fumo l’ennesima sigaretta, tu sempre immersa
nei tuoi pensieri, mi dici qualche cosa con la medesima voce di sta
mattina, ma neanche ti ascolto, sono perso nei miei pensieri.
Indossi una canotta larga, dei leggins e delle all star bianche.
Come un automa mi alzo e vengo dietro la tua sedia con la scusa di
vedere cosa stai scrivendo, poggio le mani sulle tue spalle, e mi sporgo
per vedere meglio il monitor.
In quel momento vengo assalito dal tuo odore che mi inebria e dal
semplice appoggiarmi inizio a massaggiarti le spalle ed il collo.
Le mani scivolano e faccio pressione con i polpastrelli delle dita, da sotto i lobi e sino alle spalle e risalgo.
Muovi la testa per agevolare il massaggio, anche se sai che questo
potrebbe svegliare altre voglie, rotei il collo in senso circolare da
destra verso sinistra.
Non ne posso più!
E in uno al massaggio abbasso la testa ed inizio a baciarti il collo e le spalle.
Mi prendi la testa tra le mani, accarezzandomi tra i capelli, e mi
inviti con dolcezza e suadenza a smettere questa tortura, poiché sai che
potresti cedere, io ho già ceduto.
Non ti ascolto e continuo, socchiudi gli occhi, forse sperando di poter rimanere indenne a quel trattamento.
Ti prendo per le spalle e ti faccio alzare, tu poggi le mani sulla scrivania mentre resto dietro di te.
Con le mani ti prendo la testa e ti faccio girare lentamente, e ti do un
bacio dolce sulla guancia, per poi scendere sul collo, da sinistra
verso destra.
Mi inviti a smettere ancora, non molto convinta, non ti ascolto.
Ti scosto la spallina della canotta, bacio una spalla, poi bacio
l’altra, poi mi inumidisco le labbra e continuo questo gioco, che tenti
di respingere, ma i tuoi sospiri ti tradiscono.
Faccio scendere la canotta, resti con reggiseno a fascia nero, che nulla
lascia all’immaginazione rispetto al piacere che stai provando, hai la
pelle d’oca e i capezzoli premono contro la stoffa.
Con un gesto veloce, ma gentile, abbasso la fascia e con dolcezza inizio
a baciare il tuo seno, hai l’affanno e sospiri al primo tocco.
Ti stringo a me tenendo le mani all’inizio dei glutei, in modo che possiamo sentire in nostri corpi.
Smetto di baciarti il seno, levo le mani da dietro, ma la pressione dei corpi resta la stessa.
Ti guardo e poggio le mie labbra sulle tue, ti bacio dolcemente.
Le nostre bocche si schiudono e un turbinio delle lingue le fonde.
Lascio la tua bocca e torno a baciarti il collo, poi le spalle, poi i seni.
Scendo ancora sedendomi sulla sedia, mentre tu sei poggiata sulla scrivania.
Bacio il tuo ventre, il tuo ombelico, dove mi soffermo parecchio, mentre continui a sospirare.
Nel mentre, accarezzo i tuoi seni, scendo con le mani lungo i fianchi, fino all’elastico dei leggins.
Faccio scorrere un dito, lungo tutto l’elastico da sinistra verso destra.
Mi fermo con le mani sui tuoi fianchi, mentre con le labbra scendo
dall’ombelico sul monte di venere ancora fasciato dallo strato di
stoffa.
Mi tieni la testa con entrambe le mani, mentre ti siedi sul bordo della scrivania.
Lo interpreto come un invito, e senza attendere un tuo cenno mi fiondo
con la bocca sul tuo sesso, coperto dal leggero strato di stoffa.
In quel momento premi la mia testa contro il tuo ventre, vuoi di più, voglio di più.
Non mi fermo, anzi oso vado vanti, e con fare rapido e risoluto abbasso e
i leggins fino e giù, e mi tuffo dentro di te con la bocca.
Non perdo un centimetro del tuo sesso, lo voglio tutto, lo desidero, ho
un solo scopo, quello di farti godere ed arrivare… a me penserò solo
dopo che tu avrai il più bell’orgasmo che ti potessi regalare.

Come giudichi questo racconto?
Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*